Chiedere il permesso per il transito sulla viabilità silvo-pastorale

Chiedere il permesso per il transito sulla viabilità silvo-pastorale

Le strade ubicate in aree montane e collinari, che sono a servizio di boschi, pascoli e alpeggi e destinate allo svolgimento di attività in campo agricolo e forestale, costituiscono la rete della viabilità silvo-pastorale.

Si tratta di tracciati permanenti prevalentemente a fondo naturale, con eventuali brevi tratti stabilizzati o pavimentati dove il transito è più pericoloso o la conservazione del tracciato è più problematica per l’elevata pendenza o per la natura instabile del fondo.

Come previsto dalla Legge regionale 15/04/1991, n. 15, nelle strade silvo-pastorali e nelle aree assimilate è vietata la circolazione dei veicoli a motore, fatta eccezione per i mezzi impiegati nei lavori agricoli e forestali, di vigilanza e antincendio, di assistenza sanitaria e veterinaria, per i mezzi dei proprietari dei fondi, dei titolari di altri diritti reali, degli affittuari e dei locatari di immobili situati nel territorio servito della strada, limitatamente al tratto più breve necessario a raggiungere tali immobili, nonché per i mezzi di chi debba transitare per motivi professionali.

I mezzi devono essere muniti di apposito contrassegno rilasciato dai Comuni. I divieti di circolazione non si applicano ai veicoli delle persone con limitata capacità di deambulazione, purché muniti del contrassegno apposito.

Puoi trovare questa pagina in

Io sono: Automobilista
Sezioni: Polizia locale
Ultimo aggiornamento: 20/04/2021 12:26.04